Categorie
Senza categoria

Proiezione del Film “Lupo Bianco”

Proiezione del Film "Lupo Bianco"

Mercoledì 6 marzo al “ Nuovo Teatro Cantoregi “ di Carignano, grazie alla Fondazione Mario e Ofelia MARTOGLIO di Torino, di fronte a oltre 400 studenti, nella prosecuzione del progetto “ Cinema&Legalità “ patrocinato dal Miur, c’è stata la proiezione del Film “Lupo Bianco” della Casa di Produzione CinemaSet di Antonio Chiaramonte per la Regia di Tony Gangitano e Sceneggiatura di Stephanie Beatrice Genova e Alessandro Ferrara da un’idea di Diego Cammilleri.

Film vincitore del Premio Starlight International Award al 78° Festival Internazionale del Cinema di Venezia e del Premio Nazionale “Garitta” di Acireale.
Un Cineforum il 6 marzo, con Regista e Sceneggiatrice, su uno spaccato di vita autobiografico con la narrazione della capacità di resilienza in uno dei periodi più bui della nostra era, la Pandemia da covid-19.

L’iniziativa è organizzata grazie alla collaborazione su molti fronti tra Lions Club Carignano Villastellone, Presidente Zardi William e Fondazione Martoglio.

Categorie
Senza categoria

Special Olympics e Pararowing FISDIR

Special Olympics e Pararowing FISDIR

Centodieci atleti Special Olympics e Pararowing FISDIR hanno disputato, tra nebbia e pioggia, con ottimi risultati le regate ed è stata assegnata la seconda edizione del Trofeo Mario e Ofelia Martoglio alla Canottieri Tevere Remo.

Categorie
Senza categoria

Concorso Internazionale di violino Massimo Marin

Concorso Internazionale di violino Massimo Marin

Dall’8 all’11 febbraio 2024 si è svolto a Pinerolo (To) il Concorso Internazionale di violino intitolato a Massimo Marin, violinista scomparso nel 2019 dopo essere stato per quasi 40 anni docente al Conservatorio di Torino e Primo Violino di Spalla di importanti orchestre italiane.

«Il Concorso Massimo Marin rappresenta un unicum nel panorama delle competizioni musicali – spiega in una nota l’Associazione Musicampus, promotrice dell’iniziativa -, poiché è rivolto sia a giovani allievi sia ad aspiranti concertisti e professionisti, con una suddivisione in Concorso Studenti e Concorso di Esecuzione Violinistica, ma soprattutto perché è articolato in categorie e sezioni non solo in base all’età ma anche in base al livello e al repertorio, in modo da dare la possibilità di partecipare anche a bambini piccolissimi (addirittura di 2-3 anni), ad assoluti principianti (con programmi a corde vuote e da corso preparatorio) e a studenti con difficoltà e disabilità in base al repertorio studiato e presentato da ciascuno. In queste categorie si arriverà poi a livelli esecutivi più elevati con programmi obbligatori che comprendono il Concerto in La Minore di Bach, il Cantabile di Paganini e le Sonate e Partite di Bach, ma in un un’unica prova. Il Concorso di Esecuzione, invece, sarà suddiviso in tre sezioni in base all’età e articolato in due prove, eliminatoria e finale, con un Primo Premio da 2.500 euro ed il concerto al quale parteciperanno tutti i finalisti, in programma la sera dell’11 febbraio».

Categorie
Senza categoria

Week-end sul lago

LOCANDINA LAGO 2023 (1)
Categorie
Senza categoria

Sostegno a famiglie e infanzia

Sostegno a famiglie e infanzia

Comunità Gallo

Categorie
Senza categoria

NEWS

Categorie
Senza categoria

Pararowing

PARAROWING

Pararowing
Esperia Torino

Categorie
Senza categoria

24 gennaio 2021 – targatocn.it

Cavallermaggiore: una “settimana di abbracci” alla San Giorgio

24 gennaio 2021

Presto il via alle vaccinazioni sugli ospiti che non hanno contratto il virus

Giovedì 21 gennaio è stata la Giornata Internazionale degli Abbracci, quest’anno purtroppo vissuta con un po’ di amarezza, in particolare dagli ospiti delle case di riposo che ancora non possono vedere i propri cari.

Per venire in loro soccorso, diverse rsa del territorio hanno portato all’interno della struttura una “sala degli abbracci”: tramite una membrana trasparente plastificata i parenti hanno potuto di nuovo riabbracciarsi in totale sicurezza.

Una di queste è stata realizzata grazie alla Fondazione Martoglio alla casa di riposo San Giorgio. Ecco, i racconti e le immagini di questa prima “settimana di abbracci” in attesa che sugli ospiti non contagiati dal virus partano le prime vaccinazioni.

Michele Sola, è andato a trovare la sorella Anna, 81 anni: “Una bella sensazione dopo tanto tempo che uno non può avere un contatto, potersi stringere è una bella emozione!”

Flavia Guglielmino ha potuto riabbracciare la mamma, Felicita, di 83 anni: “era appena entrata in casa di riposo, ero scettica, pensavo fosse una cosa fredda, invece mi ha colpito che si sentiva proprio il calore, mi è venuto da piangere e mi si è aperto il cuore. Molto meglio di un vetro. Grazie a chi ha finanziato questo progetto, ci ha fatto un regalo meraviglioso”.

Emilia Tesio, si è emozionata nel poter di nuovo toccare la mamma Caterina, 83enne: “Mamma si è subito adeguata alla novità. E’ stato un momento molto emozionante. Avevo sentito delle perplessità, ma consiglio almeno di provare. C’è proprio l’abbattimento della distanza fisica. Con il vetro non ci si poteva toccare, la sala degli abbracci ti dà la possibilità finalmente di superare questo limite”

Anche Ester Berutti, ha potuto “toccare” le mani di mamma Lucia, 92 anni, dopo tanto tempo: “La cosa migliore è stata potersi stringere le mani. Siamo state mezz’ora con le mani allacciate, la mamma ha pianto tanto, era da marzo che non ci toccavamo, io prima andavo tutti i giorni, due volte al giorno. E’ stato bello, ma molto angoscioso, devo confessare, ma meno male che c’è!”

Per la nipote Altea Guietti, riabbracciare la nonna Maria, 90enne, è stato gesto semplice, ma molto importante: “è stata un’emozione bellissima, nonna si è messa a piangere, per lei un gesto piccolo può valere tantissimo ed è fondamentale. vedersi, tutta un’altra cosa rispetto al vetro”.

Tiziana Lucarelli è tornata alla San Giorgio per poter di nuovo vedere il papà Giulio che ha compiuto 89 anni: “E’ stato un regalo di compleanno, poterlo abbracciare è stato bello ed emozionante, per me e per lui. Ci vedevamo solo dal vetro, ma così è un’altra cosa, c’è bisogno degli abbracci specie per loro che non hanno più contatto con i parenti stretti. Se lo avessero tutte le strutture sarebbe l’ideale”.

Anche Giuseppe Aragno dopo mesi ha potuto riabbracciare la mamma Antonia, 97 anni a luglio: “solo il fatto di poterla abbracciare, accarezzare la guancia, è stato bello, a volte basta tenergli la mano perché si sentano meno soli”.

Categorie
Senza categoria

7 gennaio 2021 – Rassegna ANSA

Covid: Cavallermaggiore, stanza abbraccio per anziani Rsa

7 gennaio 2021

Inaugurata grazie a Fondazione Martoglio e gruppo Alpini

(ANSA) – TORINO, 07 GEN – Anche Cavallermaggiore, nel Cuneese, ha da oggi una sala degli abbraccio per gli anziani della casa di riposo.
“Un momento davvero unico – commenta il consigliere regionale della Lega, Matteo Gagliasso, presente alla inaugurazione – che segna la possibilità per gli ospiti di parlare, abbracciare e rivedere i propri cari con una intimità fino ad oggi negata dalla pandemia”.

Gagliasso ringrazia “la Fondazione Martoglio e il presidente del gruppo Alpini Giulio Fumero, per la sensibilità mostrata verso gli anziani con la realizzazione di questa struttura. Il virus ha portato via tanti anziani, a tutti gli ospiti delle residenze ha tolto la possibilità di avere i propri familiari vicini – osserva -: questa iniziativa concorrerà a farli sentire meno soli in attesa che si possa ritornare in una situazione di normalità”. (ANSA).

Categorie
Senza categoria

9 dicembre 2020 – Corriere di Savigliano

Stanza degli abbracci in casa di riposo

9 dicembre 2020

Installata una struttura gonfiabile alla San Giorgio, col contributo di Fondazione Martoglio

CAVALLERMAGGIORE – L’irruzione del coronavirus ha costretto le case di riposo ad applicare stringenti misure restrittive, imposte dalle autorità, che di fatto hanno privato gli ospiti della possibilità di godere della vicinanza, di un abbraccio, di una carezza e di momenti di intimità con i propri famigliari, con gravi danni per la salute fisica e mentale. La letteratura scientifica, infatti, documenta ampiamente come nella popolazione anziana la solitudine e l’isolamento sociale rappresentino gravi motivi di sofferenza e importanti fattori di rischio per la sopravvivenza.

Con l’arrivo della stagione autunnale, abbandonate le postazioni estive, la struttura ha continuato a garantire le visite realizzando una postazione idonea all’interno dello storico padiglione. Persistendo la necessità di allestire un ulteriore punto di incontro per garantire le visite con una cadenza almeno settimanale, l’amministrazione ha predisposto un progetto per la realizzazione di una ulteriore postazione, acquisendo una struttura gonfiabile idonea allo scopo denominata “stanza degli abbracci”